Nucleoplastica è il nome di un intervento chirurgico mininvasivo, utilizzato per ottenere una decompressione discale mediante la tecnologia Coblation®.

Questo sistema, utilizza una particolare energia detta radiofrequenza per arrivare a vaporizzare e a eliminare parte del nucleo polposo del disco.
Poiché l’asportazione del tessuto è conseguita a temperature di circa 40-70 °C, il danno termico all’area circostante è minimo.
La tecnologia Coblation® è stata utilizzata nel mondo in oltre 4,5 milioni di interventi.

Come viene eseguita la procedura?
La Nucleoplastica è eseguita in anestesia locale.
E’ usata una guida fluoroscopica per posizionare l’ago introduttore alla giunzione tra nucleo polposo e anulus.
Una speciale sonda è introdotta nel lume interno e fatta avanzare nel nucleo del disco.
Utilizzando la tecnica Coblation®, il tessuto è quindi rimosso mediante la creazione di canali all’interno del nucleo del disco.

Dopo che è stato asportato materiale a sufficienza, il dispositivo e l’ago introduttore sono rimossi, si applica una medicazione cutanea e il paziente viene dimesso.
I pazienti sono poi inseriti in un programma di riabilitazione standard.

Come sarà il post-operatorio?

D: E’ necessario che il paziente indossi un tutore dopo l’intervento di Nucleoplastica?
R: Non è necessario un tutore, poiché l’anulus non è stato compromesso a causa dell’intervento. Tuttavia, diversi centri che eseguono la Nucleoplastica raccomandano un corsetto morbido per due ragioni:
• Il tutore ricorda ai pazienti di essere stati sottoposti ad un intervento mininvasivo, e che debbono consentire alla loro colonna di guarire (con il ritorno progressivo alle normali attività).
• Il tutore richiede che i pazienti mantengano la colonna in una corretta postura, quale parte di un programma globale di riabilitazione post-intervento (per insegnare ai pazienti le buone abitudini posturali e di condizionamento). Un protocollo riabilitativo è inteso come supporto per il buon esito della procedura di Nucleoplastica e per aiutare il paziente ad evitare recidive.

D: E’ raccomandato un protocollo riabilitativo dopo l’intervento?
R: Un protocollo riabilitativo è raccomandato anche se non necessariamente richiesto.
La maggior parte dei centri utilizzano le stesse linee guida applicate agli altri interventi di colonna.
Una procedura appropriata di riabilitazione dovrebbe comprendere l’uso progressivo di esercizi di stretching e rafforzamento, seguiti da un graduale ritorno alle normali attività.